© 2018 by BEAUCERON DEL CANAVESE

Berger de Beauce, Bas Rouge, Beauceron, tre nomi per un solo cane le cui origini risalgono alla preistoria. E’ quasi certo che il Beauceron discenda dal Canis Palustris i cui reperti fossili sono stati ritrovati nelle paludi del Jura francese; dal Medioevo ci arriva notizia di un grosso cane dal manto scuro e d’aspetto lupino, utilizzato dai contadini francesi come guardiano di bestiame e proprietà.

Ma i primi cenni storici sicuri ce li da l’abate Rozier nel suo “Cours d’agricoulture” del 1809.

Nel trattato sono descritti due tipi di cane da pastore: uno a pelo lungo, utilizzato per condurre il bestiame al pascolo, ed uno a pelo corto di cui si parla in questi termini ” un mastino robusto, agile, ardito, con occhi e narici nere, labbra di un rosso oscuro, denti affilati, voce grossa e tonante, capace di attaccare e abbattere un lupo”. I due cani sono rispettivamente il Briard ed il Beauceron.

All’epoca le due razze  erano complementari ed é sempre Rozier a descriverci le loro funzioni: ” nelle regioni pianeggianti, collinari e nei sentieri di transumanza il cane di Brie é quello che viene utilizzato. Gli vengono affiancati possenti mastini generalmente nero focati e con un carattere particolarmente feroce.”

Nel XIX secolo, quindi, Briard e Beauceron collaboravano; il primo conduceva il bestiame, il secondo lo proteggeva.

Le cose cambiano con la progressiva diminuzione del lupo nelle zone centrali della Francia; a quel punto il Briard rimane nelle pianure, mentre il Beauceron finisce a lavorare ai piedi delle montagne, la dove i lupi si sono ritirati. Ma le montagne hanno già i loro “custodi” (vedi il Patou ad esempio), cosi’ il Bas Rouge cambia funzione e diviene essenzialmente un cane da conduzione.

C’é da precisare che all’epoca i nomi “Briard ” e “Beauceron” erano utilizzati peincipalmente dai contadini; solo alla fine del XIX secolo vennero ufficiliazzati.

Nel 1911 nasce il club di razza “Club Amis Du Beauceron”.

Durante la Prima Guerra Mondiale il Pastore di Beauce viene utilizzato come staffetta, sentinella, cane da traino, e cane da ricerca (per ritrovare i feriti sui campi di battaglia).

Scoperte le sue molteplici capacità diviene, in Francia, il cane da utilità per eccellenza.

 

Lupoide mesomorfo, di taglia medio-grande, di colore nero focato (chiamato Bas Rouge ovvero “calze rosse”) o  merle (detto “arlecchino”) il suo fisico asciutto e muscoloso ne fa un cane sportivo, agile, resistente con un immenso bisogno di attività fisica…quotidiana. Se non avete tempo per portarlo a fare lunghe camminate all’aria aperta, se pensate che un giardino possa bastargli…prendete un’altra razza!!

Il Beauceron é un cane da lavoro! E come tale ha bisogno di un padrone consapevole.

Perché lui, il Bas Rouge, ha bisogno di sfogarsi e se non ne ha la possibilità:

1 si sfoga da solo…sfondandovi casa.

2 si intristisce e diviene la pallida ombra di cio’ che dovrebbe essere.

Ricordatevi che é un’atleta e che ha bisogno di fare qualcosa…qualunque cosa.

Il Beauceron é un cane che va forte in tutte le discipline sportive, pur avendo i suoi limiti:

- UD, Ring, Mondioring, Obedience, Agility, Pistage, Canicross..il Beauce sa fare tutto! Non va a 300 all’ora come un Malin o un Border, non scatta ai comandi come un PT, ok…pero’ é un cane che ama mettersi alla prova

Fonte: Bastardog.altervista.org